Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

skande 13 ON LINE 17 settembre 2014

Scegli una pagina:
Scroll to top

Top

Come aumentare engagement e follower su Instagram

Come aumentare engagement e follower su Instagram
Riccardo Scandellari

Per gli amanti di Instagram oggi ho una chicca bellissima.
E’ uscito uno studio che DOVETE scaricare. Utile a quelli che ambiscono a fare qualcosa di buono con questo social network, che sempre più, sta avendo un successo planetario. Una ricerca condotta da TrackMaven ha analizzato i marchi più attivi e le loro tecniche per aumentare il tasso di engagement e i follower. Le aziende più attive in base al numero di utenti e di pubblicazioni sono: Nike, Starbucks, Foot Locker, Apple e Ralph Lauren.

Faccio una sintesi per chi ha fretta.
Recentemente la social app ha introdotto la possibilità di realizzare piccoli filmati di massimo 15 secondi e di applicarvi i filtri, proprio quelli che lo hanno reso famoso, questa opportunità ha reso ancora più efficace la comunicazione dei brand. I filtri più efficaci sono i seguenti: MayfairInkwell. Inatteso il successo di #NoFilter, l’hashtag che sta ad indicare che non è stato applicato nessun filtro. Sono molti quelli che si sono stancati delle immagini “trattate” e vogliono la foto bella e pura e chi le riesce a realizzare una ne viene premiato.

Le cose su cui puntare per il successo, sulla base dei risultati dello studio, sono:

  1. I video sono efficaci: nel giro di pochi mesi i video sono riusciti a generare engagement di pari livello delle immagini fisse.
  2. Il multiplo hashtags: utilizzare tra quattro e undici hashtags per foto/video, può contribuire ad aumentare il numero di interazioni notevolmente.
  3. A differenza dagli altri social si può postare a qualsiasi ora, sette giorni su sette : le cifre parlano da sole, l’efficacia delle campagne attraverso Instagram hanno un lasso di tempo molto variabile, quindi è bene postare in qualsiasi momento.

Queste e altre informazioni, UTILISSIME, sono contenute nel PDF.

Le fotografie di questo blog sono offerte per gentile concessione da SHUTTERSTOCK